SI INAUGURA L’ESTATE..ALLE PORTE LA FESTA DELLA GRIGLIA & MIRA LA PINTA

Dal 30 Giugno 2017 al 2 Luglio 2017 protagonista sarà l’abbinata vincente Festa della Griglia & Mira La Pinta.

Manca davvero poco al consueto appuntamento di inizio estate che ogni anno a inizio Luglio ospita presso il Campo Sportivo Parrocchiale di Pontetaro la Festa della Griglia e Mira la Pinta…..quest’anno sarà la Quarantaduesima edizione di Festa della  Griglia e la Diciottesima edizione di Mira La Pinta.

Gli appuntamenti da segnarsi in agenda sono tre: si inizia Venerdì 30 Giugno per terminare Domenica 2 Luglio 2017.

Ad aprire il weekend, è il Venerdì targato Mira la Pinta dove protagoniste saranno la birra, l’ottima cucina e la musica: aprirà la serata MNS DJ SET per proseguire dalle ore 22 con il travolgente sound dei CANI SCIOLTI, IN CONCERTO LIVE.

Special Guest della serata sarà Kiara Fontanesi, la 4 volte campionessa mondiale di moto cross femminile.

Sabato 1 e Domenica 2 Luglio 2017 la festa torna nella sua veste tradizionale. Il gustosissimo menù proposto dalla cucina e la musica saranno le assolute protagoniste; gli amanti del liscio potranno quindi dilettarsi sull’ampia pista in acciaio al ritmo delle note dell’ORCHESTRA NICOLA MARCHESE, Sabato 1 Luglio e in compagnia dell’ORCHESTRA SPETTACOLO LUCA CANALI, Domenica 2 Luglio.

Durante la serata di Sabato 1 Luglio, esibizione della scuola di ballo Holly Dance.

Un weekend da non perdere!!!

19388465_1747192081963345_4375735454739120356_o

19388723_1747192355296651_4920880748900722090_o

LA BELLEZZA DELLA PINACOTECA STUARD

 

WP_20160113_16_58_02_Pro

Ieri, Mercoledì 13 Gennaio la Pinacoteca Stuard ha riaperto le porte per poter mostrare l’affascinante patrimonio artistico presente.

Le 21 sale del Museo dislocate su due piani offrono un meraviglioso colpo d’occhio;  ritratti, disegni e immagini sacre  si alternano nel  variegato percorso.

Il turista, potrà ammirare opere che vanno dal Trecento al Novecento, di artisti locali, italiani e esteri: polittici, ritratti dedicati alla famiglia Farnese, opere di grande spessore di artisti del calibro di Annibale Carracci, come Cristo e la Cananea, fino ad arrivare alle esemplari opere di Amedeo Bocchi, Fior di Loto e Esodo.

 

Amedeo Bocchi, le peintre qui aime la couleur

bocchi_moglie

Amedeo Bocchi c’est un peintre qui est né à Parme mais qui à travaillé surtout à Rome.

Ses oeuvres se trouvent à Parme dans le merveilleux Palais Pigorini, qui abrite le Musée Bocchi.

On peut définir l’artiste un poète qui aime la couleur; ses oeuvres montrent l’amour que le peintre avait pour l’image féminine et la nature.

En particulier il a représenté la femme dans la majorité des ses oeuvres; la fille Bianca et ses deux femmes Rita et Niccolina sont les protagonistes, elles sont raffinées, élégantes et bien habillées.

La protagoniste est même la nature avec ses jardins pleines des fleures et des couleurs dont les principaux sont le vert, le rouge et le jaune.

L’attention aux particuliers révèle l’influence de l’artiste pour le style liberty tandis que la brillance des couleurs est une caractéristique du mouvement expressionniste.

LUIGI PASTORI IN MOSTRA

PASTORI -  Il buon samaritano ('04, oliosutela, 80x60)

Vi suggerisco una mostra che aprirà Sabato 9 Novembre a Collecchio, presso Villa Soragna, ovvero quella di Luigi Pastori, pittore parmigiano contemporaneo.

Le sue opere figurative rivelano armonia, amore per ciò che è bello, un profondo richiamo ai modelli classici, riadattati in seguito alle sperimentazioni artistiche del Ventesimo secolo. Sono presenti in collezioni private e pubbliche, in Italia e all’estero.

Il tema della mostra di Collecchio in programma fino al 19 Dicembre è incentrato sull’armonia ritrovata tra la figura umana e la terra.

PARMA…LA REGINA DEL GUSTO

vigneti torrechiara

Come ogni anno il mese di Settembre nel territorio parmense si preannuncia gustoso e ricchissimo…un menù variegato!

Si inizia oggi con il famosissimo Festival del Prosciutto con Langhirano ”culla del gusto”; diverse ed appetitose saranno le iniziative proposte nel territorio parmense a cominciare da golose degustazioni, visite alle aziende produttrici del fantastico Crudo di Parma e tanto altro.

”Parma Settembrina” non offre solo questo! Un appuntamento da non lasciarsi sfuggire è in programma Domenica 6 Settembre nel meraviglioso parco di Parma della Cittadella, con la manifestazione Cammino…nella Slow Food Valley. Agricoltori, artigiani di una volta, punti di ristoro saranno protagonisti assoluti nella meravigliosa cornice della Cittadella. Un evento che attirerà sicuramente l’attenzione dei più golosi ma anche di tante famiglie intenzionate a trascorrere un giornata all’aria aperta.

Come non citare infine un altro imperdibile appuntamento che ben si accorda con il Festival del Prosciutto ovvero Prosciutto in Vigna. Da domani al 20 Settembre, le cantine del Langhiranese apriranno le loro porte; saranno in programma visite nelle cantine con degustazioni di vino accompagnate dalle delizie culinarie del territorio parmense. Verranno messi a disposizione degli interessati bus (viaggio di andata e ritorno) per recarsi alla cantina prescelta. Per informazioni assaporaparma@assaporaparma.it

ADMIRER LE JARDIN BOTANIQUE DE PARME

orto botanico parma

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un lieu que j’adore est le jardin botanique de Parme.

Le jardin botanique se trouve en rue Farini à Parma, dans le centre de la ville. L’aspect actuel du jardin remonte au 1770 quand fut voulu par Gianbattista Guatteri. Il a été dessiné par le Petitot et terminé en 1793. Il est un jardin à l’italien. A l’intérieur à orient on trouve l’Arboreto réalisé entre le XVIII et le XIX siècles. A occident le jardin fut réalisé à l’anglais. Dans le jardin botanique sont conservés des travaux de Gianbattista Guatteri, Giorgio Jan et Giovanni Passerini mais même un herbier. Vous pouvez même admirer des merveilleuses plantes qui ont été ajoutées récemment comme des Bonsai,  des Pelargonium et des roses botaniques très anciennes.

PEDALANDO NEI DINTORNI DI PARMA

VILLA_MELI-LUPI_VIGATTO

Badia Benedettina Torrechiara

Castello di Torrrechiara

Oggi vi propongo un bel tragitto da poter percorrere in bicicletta che partendo da Parma, conduce al meraviglioso castello di Torrechiara. ll tragitto, di media difficoltà, è meraviglioso durante i mesi primaverili e autunnali quando l’ambiente circostante grazie all’armonia di colori e di profumi offre panorami fantastici. Il percorso attraversa le frazioni di Vigatto, Pannocchia per arrivare infine nel meraviglioso borgo medievale di Torrechiara.Il percorso merita diverse soste per poter ammirare le bellezze artistiche delle quali il territorio di Parma e provincia, è particolarmente ricco. A Vigatto, nella Chiesa di San Pietro, si possono ammirare dipinti dei secoli XVII, XVIII e XIX e di fronte alla chiesa la meravigliosa Villa Meli Lupi con il suo fantastico parco. Proseguendo lungo il tragitto si notano altre ville importanti come Palazzo Mutti, Villa Ghia e a Pannocchia, Villa Rognoni. Il percorso, giunge poi alla Badia Benedettina di Torrechiara prima di arrivare a Torrechiara dove il castello, immerso in un borgo medievale, s’impone per la sua maestosità su un’altura che offre un panorama suggestivo.

CABRIOLO E LA VIA FRANCIGENA

 TRINITà CABRIOLO

cabriolo_14

Oggi vi accompagno nei pressi di Fidenza, sul tratto della Via Francigena in cui ci si imbatte nella meravigliosa chiesa di Cabriolo, dedicata a San Tommaso Becket che vi sostò come pellegrino nel 1167. Per anni la chiesa appartenne all’Ordine dei Templari; la magione si pensa che dipendesse inizialmente dalla domus di Santa Maria Maddalena di Toccalmatto, dalla quale poi si distaccò. Vicino alla chiesa vi era anche uno xenodochio  come viene riportato dal Capitolum seu Rotolus Decimarum della Diocesi di Parma del 1230. Dopo lo scioglimento dell‘Ordine dei Templari nel 1309, la magione venne saccheggiata e incendiata. La chiesa venne ricostruita intorno a metà del Trecento dai Gerosolomitani.

La rilevanza architettonica della chiesa si denota ancora oggi nella parte absidale, in mattoni, che mostra ancora oggi i resti della rotonda templare scandita da archi ciechi e da monofore. La chiesa è in mattoni, a pianta rettangolare e facciata a capanna. E’ a un’unica navata.

All’interno rimangono una parte dei preziosi affreschi della fine del XIV secolo con una particolare raffigurazione della Trinità, la significativa Crocifissione con la Madonna e San Giovanni, rappresentati ai piedi della croce e la figura dell’ Arcangelo Michele intento nella pesatura delle anime.

San Tommaso Becket è raffigurato nel dipinto in cui assiste all’apparizione di San Giovanni Battista del XVIII secolo, attribuito a Carlo Angelo dal Verme e collocato nella parete di destra